Licenza Creative Commons
Pro Letteratura e Cultura diEmanuele Marcuccio è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.emanuele-marcuccio.overblog.comIn classificasitoCreate your own banner at mybannermaker.com! Paperblog motori di ricerca italiani
net parade scambio banner
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Pro Letteratura e Cultura

La Poesia: "Itaca" di Konstantinos Kavafis, con un commento di Emanuele Marcuccio

12 Marzo 2014, 12:40pm

Pubblicato da Emanuele Marcuccio

 

 

 

 

ITACA
(di Konstantinos Kavafis, trad. F. M. Pontani, 1961)

 

Se per Itaca volgi il tuo viaggio,
fa voti che ti sia lunga la via,
e colma di vicende e conoscenze.
Non temere i Lestrigoni e i Ciclopi
o Poseidone incollerito: mai
troverai tali mostri sulla via,
se resta il tuo pensiero alto e squisita
è l'emozione che ci tocca il cuore
e il corpo. Né Lestrigoni o Ciclopi
né Poseidone asprigno incontrerai,
se non li rechi dentro, nel tuo cuore,
se non li drizza il cuore innanzi a te.


Fa voti che ti sia lunga la via.
E siano tanti i mattini d'estate
che ti vedano entrare (e con che gioia
allegra) in porti sconosciuti prima.
Fa scalo negli empori dei Fenici
per acquistare bella mercanzia,
madrepore e coralli, ebani e ambre,
voluttuosi aromi d'ogni sorta,
quanti più puoi voluttuosi aromi.
Recati in molte città dell'Egitto,
a imparare dai sapienti.


Itaca tieni sempre nella mente.
La tua sorte ti segna a quell'approdo.
Ma non precipitare il tuo viaggio.
Meglio che duri molti anni, che vecchio
tu finalmente attracchi all'isoletta,
ricco di quanto guadagnasti in via,
senza aspettare che ti dia ricchezze.


Itaca t'ha donato il bel viaggio.
Senza di lei non ti mettevi in via.
Nulla ha da darti più.


E se la ritrovi povera, Itaca non t'ha illuso.
Reduce così saggio, così esperto,
avrai capito che vuol dire un'Itaca.

 

 

Commento a cura di Emanuele Marcuccio
 

Meravigliosa poesia di Konstantinos Kavafis: l'avventuroso e periglioso viaggio di Ulisse per mare, come metafora della vita!
Tutti dobbiamo avere un sogno, uno scopo, una meta nella vita, se non abbiamo sogni, siamo come morti.
Ciò che importa è che ci sia pace nel cuore dopo il viaggio esuberante e avventuroso della giovinezza.
Bisogna rimanere giovani dentro, se no questa pace non la troveremo e non troveremo nessuna "Itaca" e nessuna "Penelope" ad aspettarci.
Non importa il viaggio, la meta, ma come affronti quel viaggio per raggiungere la meta. Itaca può anche deluderti, ma almeno rimane la soddisfazione di non aver vissuto invano.

 

 

Immagine da: https://goo.gl/0TC072

Commenta il post

Marta Landolfi 07/25/2016 16:42

Metafora della vita

Poesie francesi 04/28/2016 01:24

Ciao niente male questa poesia :)

letizia 07/04/2015 22:31

Poesia del viandante.