Licenza Creative Commons
Pro Letteratura e Cultura diEmanuele Marcuccio è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale. Paperblog motori di ricerca In classifica siti emanuele-marcuccio.overblog.com
web emanuele-marcuccio.overblog.com net parade scambio banner Net-Parade.it Snippet

Create your own banner at mybannermaker.com!
Copia questo codice per mostrare questo banner sul tuo sito-web!

Iscriviti ai feed di Pro Letteratura e Cultura

scambio banner
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

"Canto d’amore", da «Per una strada» di Emanuele Marcuccio

[notte.jpg]

 

Canto d'amore[1] 

 

Leggerezza, delicatezza
soffusa e serena:
un fiore, che leggiadro
al primo suo fiorire,
espande per l’aria
gli odorosi suoi sospiri,
e irrora dolcemente,
e irradia di luce
l’aria della notte:
un’arpa ascolto,
lontano il suo suono
si perde;
sospirosi ardori,
sospirato amore,
ti chiamo
e nella notte mi perdo.


6 dicembre 1999

 

 

 

 

 

Potete leggerla anche qui, su Blog Letteratura e Cultura, di Lorenzo Spurio.


I diritti (Copyright ®), ove esistenti, sono riservati ai legittimi proprietari.

 

The rights (Copyright ®), if any, are reserved to their respective owners.

(*) Copyright Disclaimer Under Section 107 of the Copyright Act 1976, allowance is made for "fair use" for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, and research. Fair use is a use permitted by copyright statute that might otherwise be infringing. Non-profit, educational or personal use tips the balance in favor of fair use.

 

Immagine pubblicata a fini esclusivamente culturali e non commerciali da:

http://3.bp.blogspot.com/_XES5Koz_1vM/Sy1fCFjbM6I/AAAAAAAAAGk/hQEMc9pDYvI/s1600-h/notte.jpg

 

[1] Edita in Marcuccio, Emanuele, Per una strada, SBC Edizioni, 2009, p. 89.

Riedita nell’agenda 2010 Le pagine del poeta. Mario Luzi, Editrice Pagine, 2009.

Poesia ispiratami dall'ascolto del Quintetto n. 1 op. 89, di G. Fauré, precisamente l'adagio.

 

 

 

 

 
Creative Commons License
Based on a work at www.joetiziano.it.

Sono sedici versi che alternano la terza persona (espande, irrora, irradia, si perde), descrittiva dell’oggetto amato con tre splendidi versi (10°, 15°, 16°) in prima persona: un quinario “un’arpa ascolto” e un ottonario
“e nella notte mi perdo” sospesi e vaghi, a siglare un clima incantato e infine uno scolpito ternario “ti chiamo”, perentorio, esclamativo, che fa da perno a tutta la composizione. Da notare anche la corrispondenza iterativa dei versi 11° e 12° “lontano il suo suono/ si perde;” con l’ultimo verso “e nella notte mi perdo.”.
La breve lirica è un polisindeto di giusta lunghezza, con la cadenza, il respiro esatto, che ha l’unica pausa, e riprende fiato, sul bellissimo “un’arpa ascolto” che è un pentasillabo morbido, rotondo, appena inciampato sulla sinalèfe di “arpa-ascolto” (ma è difetto veniale e qualcuno potrebbe anche definirlo un pregio). L’effetto “morendo”, “perdendosi”, pur nell’intensità dell’emozione, è reso benissimo.

Luciano Domenighini

Quintetto n. 1 op. 89, di G. Fauré: II. Adagio

Live Support