Licenza Creative Commons
Pro Letteratura e Cultura diEmanuele Marcuccio è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale. Paperblog motori di ricerca In classifica siti emanuele-marcuccio.overblog.com
web emanuele-marcuccio.overblog.com net parade scambio banner Net-Parade.it Snippet

Create your own banner at mybannermaker.com!
Copia questo codice per mostrare questo banner sul tuo sito-web!

Iscriviti ai feed di Pro Letteratura e Cultura

scambio banner
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

"Rivelazione", poesia di Luciano Domenighini, con un commento di Emanuele Marcuccio

RIVELAZIONE

poesia di Luciano Domenighini 

 

È nel silenzio

la mia forza.

Ciò che non scrissi,

ciò che non dissi

le più belle parole.

 

Non scrissi

non liriche

bellissime,

degne del Parnaso, divino monte.

Di queste pur ora

Euterpe si fa vanto

e le dice al simposio degli dei

fra dolci suoni di flauti,

Ebe versando ambrosia

nelle coppe d’oro.

 

Luciano Domenighini

 Travagliato (Br), dicembre 2012

 

"Rivelazione" si articola in due parti, la prima si apre con un'affermazione che ci dà l'essenza e genesi del fare poesia, appunto il silenzio.
La seconda parte si apre con una terzina in doppia negazione che, nelle intenzioni dell'autore non vuole essere un'affermazione, bensì un'indagine sul non scritto, su ciò che poteva essere ma che non è stato. Qui si nota la modernità della lirica: "Non scrissi / non liriche / bellissime,"
Così la composizione prosegue e termina con un omaggio a Euterpe, secondo la mitologia greca, musa della musica e della poesia lirica, infatti, la poesia è ricca di musicalità, l'andamento è fluido e ogni verso concorre all'architettura dell'intera poesia, felice sintesi di moduli classici e moderni.

 

Emanuele Marcuccio, 31/1/2013

Live Support